trasloco-cucina-roma

Trasloco Cucina

Il trasloco della cucina  è una delle fasi più delicate perché è l’ambiente che contiene più oggetti, molti di questi sono fragili, ci sono gli elettrodomestici da smontare e, infine, si deve far attenzione a non rovinare il tavolo, le sedie e gli sportelli. Manca qualcosa? Si, durante il trasloco cucina è importante ricordarsi la disposizione dei pensili per procedere senza problemi al successivamente montaggio nella nuova abitazione.

Traslocare la cucina

La nostra ditta traslochi, si occupa del trasloco della cucina seguendo fedelmente i punti che di seguito vi elencherò.

Naturalmente, se volete, saremo noi stessi ad occuparci del trasloco cucina della vostra abitazione. Effettuiamo traslochi a Roma e, partendo da Roma (e dal Lazio), sia traslochi nazionali che internazionali. Ovunque dobbiate trasferirvi, Sat International Movers è in grado di aiutarvi con il vostro trasloco.

Come traslocare la cucina

Materiale necessario:

  • Scatole
  • Pluriball
  • Nastro da Imballo
  • Pennarello
  • Fogli di Carta
  • Vecchi Giornali
  • Un avvitatore (carico)
  • Pinze e Martello (meglio se da carrozziere con la massa battente in gomma dura)
  • Un taglierino buono

Dopo aver provveduto al reperimento dei materiali sopra indicati, procedete in questa maniera per effettuare rapidamente il trasloco della vostra cucina.

Foto alla cucina da traslocare

La prima cosa che si deve fare, quando si effettua un trasloco cucina, è un fotografia alla cucina stessa. O meglio… qualche fotografia. Serve per ricordarsi la disposizione dei pensili (bassi e alti) in modo da poterla riprodurre nella cucina della nuova casa.

Inoltre sarà utile segnare con una matita, la disposizione verticale dei cassetti. Spesso infatti ogni cassetto va inserito nel vano giusto altrimenti non entra.

Selezionare gli oggetti della cucina da NON traslocare

Selezionate gli oggetti da non traslocare. In questa maniera il trasloco sarà più rapido e leggero. Se avete oggetti che reputate inutili, oggetti che non avete mai utilizzato e altre cose di questo genere, provvedete subito a metterle in un angolo per far si che non vengano poi inscatolate durante il trasloco.

Selezionare le cose essenziali da utilizzare durante il trasloco

Il trasloco fai da te, spesso richiede più di qualche giorno per inscatolare ed imballare oggetti e mobili. Noi di Sat International Movers Traslochi Roma di solito, riusciamo a farlo in giornata perché abbiamo personale in abbondanza, praticità ed esperienza, nonché attrezzature che consentono di traslocare rapidamente.

Ma chi decide di inscatolare le cose da se, si può trovare ad abitare qualche giorno in una casa piena di pacchi, con la cucina mezza smontata e tante cose che servono per il quotidiano possono essere state imballate inavvertitamente.

Per questo, durante il trasloco della cucina, è necessario lasciar fuori delle cose essenziali come:

  • Piatti, bicchieri e posate di plastica
  • Un fornello per riscaldare quel minimo di cibo che servirà per i pasti
  • Tovaglioli di carta
  • Qualche scatoletta di cibi pronti e un po’ di pasta
  • Asciugamani, sapone e canovacci
  • Un paio di pentole in grado di cucinare un po’ tutto
  • Sapone per stoviglie e spugna
  • Macchinetta del caffé
  • Zucchero, Sale, Olio
  • Qualche odore lioflizzato nelle classiche confezioni in vetro (aglio, basilico, rosmarino, pepe)

Con questi elementi sarete sicuri di non morire di fame e non sarete costretti ad andare a  mangiare fuori. Se avete bambini non dimenticate di tenere a disposizione del latte a lunga conservazione e biscotti. Sono la loro classica (e gradita) cena di emergenza!

Impacchettate gli oggetti contenuti nella cucina

Adesso è venuto il momento di impacchettare il contenuto della cucina. Canovacci, pentole, padelle, alimenti non deperibili, posate, eccetera.

Per i piatti ed i bicchieri, ed in generale per gli oggetti fragili, cercate delle scatole da trasloco apposite (vedi qui come imballare piatti e bicchieri). Gli oggetti fragili devono essere inscatolati con cura perché durante un trasloco, tutti gli oggetti subiscono sollecitazioni notevoli, nonché sono a rischio rottura a causa di urti accidentali durante la movimentazione.

Utilizzate il pluriball per incartarli e riempite gli spazi vuoti della scatola, con le pagine dei giornali vecchi accartocciate per bloccarli all’interno della stessa. Lo tesso accorgimento è da mettere in pratica per tutti gli oggetti fragili (bottiglie di olio, di passata di pomodoro, aceto, liquori, vino, eccetera).

Segnate su ogni scatola il suo contenuto applicando con del nastro adesivo un foglio su di essa. Questo accorgimento sarà utilissimo quando andrete a svuotarle per riempire di nuovo la cucina a trasloco effettuato.

Gli alimenti nel frigo e nel congelatore

Nei giorni precedenti al trasloco della cucina, cercate di fare poca spesa e, piuttosto, di consumare quanto più cibo deperibile possibile, in modo che il giorno in cui staccherete la corrente al frigo e al congelatore, vi ritroviate dentro pochi alimenti.

Il frigo va comunque spento per ultimo.

Se il trasloco della cucina si può fare in poche ore, come nel caso di un trasloco Roma su Roma, utilizzate dei frigo da viaggio o dei “termobuste” per alimenti congelati per trasportarli. Non dimenticate di avere con voi dei ghiaccioli per mantenere freschi i cibi durante il trasloco.

Se invece il trasloco richiede diverse ore di viaggio, conviene che quegli stessi alimenti li regaliate a qualche amico o parente. Inutili portarseli dietro per poi ritrovarli, una volta giunti a destinazione, scongelati e non più commestibili.

Smontare gli elettrodomestici

Appena inscatolato tutto il contenuto della cucina si deve passare a smontare gli elettrodomestici. Staccateli dalla corrente prima di iniziare. Poi provvedete allo smontaggio del forno, della lavastoviglie, del piano di cottura (chiudete prima il gas dal rubinetto principale della casa e poi scollegate il tubo che porta il gas al piano), eccetera.

Smontare la cucina

Adesso è venuto il momento di smontare la cucina vera e propria. Utilizzate l’avvitatore per smontare gli sportelli, Ogni sportello dovrebbe avere un paio di cerniere ancorate con delle viti alla cassa del suo pensile.

Imballate gli sportelli con il pluriball, così non si graffieranno e non subiranno danni visibili.

Poi smontate i piani dei pensili ed estraete i cassetti.

Infine scollegate i vari pensili. Normalmente sono fissati l’un l’altro con delle viti passanti o con dei tasselli che si trovano all’interno della cassa.

Smontate il lavandino. Normalmente viene fissato con del silicone lungo i bordi e, sotto, deve essere scollegato dal sifone che conduce allo scarico. Lasciate li il sifone. Per evitare cattivi odori è meglio comprarne uno nuovo quando rimonterete la cucina nella nuova abitazione. Per evitare il cattivo odore nella cucina attuale invece, tappate il tubo dello scarico con un giornale appallottolato e con una busta fissata con un elastico al tubo di scarico del lavandino.

Se la cucina ha il top, come probabile, sappiate che questo può essere fissato in diversi modi:

  • solo appoggiato e ancorato con dei tasselli
  • avvitato dall’interno dei pensili bassi
  • Sicuramente siliconato ai bordi

A seconda del tipo di montaggio, provvedete a smontare il top della cucina. Prima però liberatelo dal silicone con un taglierino.

Il trasloco della cucina

Fatto tutto questo, è il momento di caricare scatole, accessori, elettrodomestici e la cucina stessa su un camion per traslocarla nella nuova casa, dove dovrà essere rimontata. In questa fase tirate fuori le fotografie scattate in precedenza per poter procedere rapidamente e senza errori al rimontaggio.

Consigli Trasloco Cucina

Tutto quello di cui abbiamo parlato in questo articolo è il nostro metodo di lavoro.

Smontare una cucina però richiede di avere a che fare con gas, elettricità, attrezzi da lavoro che possono ferire e pesi da caricare.

Non ci prendiamo alcuna responsabilità sull’uso che farete di questa guida. Se non avete dimistichezza con questi elementi sconsigliamo vivamente di fare le cose da soli. 

Il consiglio, anche se sembrerà di parte, è sempre quello di far fare il trasloco a una ditta di traslochi esperta e con tutte le carte in regola: permessi, autorizzazioni, assicurazione, personale esperto, attrezzatura idonea. Anche se non fossimo noi ad effettuare il trasloco della tua cucina a Roma (o ovunque tu sia), cerca di affidarti ad una ditta di traslochi per la tua sicurezza e quella delle cose trasportate.

 

Ti occorre un Preventivo Trasloco? Sat International Movers Traslochi Roma li evade rapidamente, gratuitamente e senza impegno. Richiedi un preventivo trasloco Roma o da Roma verso qualsiasi destinazione nazionale ed internazionale.

Vi lascio con un video che mostra come smontare il top della cucina. Buona Visione.